Salta al contenuto principale

Introduzione

Il Backbone One si intrufola nel mercato del mobile gaming con una manciata di caratteristiche interessanti, che comprendono una porta Lightning passthrough, un jack cuffie (novità!) e alcuni controlli dedicati, come la registrazione gameplay e il muting istantaneo. Ma questo controller compatto per iPhone è anche riparabile? Diamogli un'occhiata da vicino.

Per altri imperdibili smontaggi e notizie dal mondo della riparazione, seguici su Instagram,  Twitter e Facebook. E per avere tutto questo ben di Dio consegnato direttamente nella tua casella di posta, iscriviti alla nostra newsletter.

Questo smontaggio non è una guida di riparazione. Per riparare il tuo Backbone One, usa il nostro manuale di assistenza.

  1. Questo controller dallo stile Joy Con-esco può sembrare non diverso da qualsiasi altro gamepad; però, almeno sulla carta, ha in serbo qualche sorpresa. Sveliamone qualcuna: D-pad e levetta sulla sinistra. Pulsanti  A-B-X-Y e levetta sulla destra. Pulsanti frontali e grilletti su ciascun lato. Porta Lightning per ricarica passthrough e il collegamento di accessori.
    • Questo controller dallo stile Joy Con-esco può sembrare non diverso da qualsiasi altro gamepad; però, almeno sulla carta, ha in serbo qualche sorpresa. Sveliamone qualcuna:

    • D-pad e levetta sulla sinistra. Pulsanti A-B-X-Y e levetta sulla destra. Pulsanti frontali e grilletti su ciascun lato.

    • Porta Lightning per ricarica passthrough e il collegamento di accessori.

    • Jack cuffie da 3,5 mm; una presenza benvenuta, dopo essere stata abbandonata dall'iPhone nel 2016 e mai più ricomparsa (cioè, quasi mai). Bentornato, piccolo amico!

    • Pulsanti specifici per il muting istantaneo, il lancio dell'app Backbone e la registrazione gameplay.

    • Un paio di cose interessanti che mancano: il Bluetooth e una batteria interna. Il Backbone One si collega direttamente al tuo iPhone e ne succhia l'energia.

    • Non sappiamo dire se l'assenza di una batteria e di Bluetooth sia una caratteristica da rimarcare, ma certamente riduce il numero di cose che possono andar male.

  2. Il Backbone One non è collassabile completamente come l'altrimenti massiccio Razer Kishi. Quando ci si gioca, peraltro, nella sua forma completamente estesa è decisamente snello. Se il case del tuo telefono aggiunge un volume significativo all'insieme, può essere necessario rimuoverlo per farlo stare comodo all'interno del Backbone One. Non è forse questo che ti rende un vero gamer? Dato che alla maggior parte degli umani manca una terza mano, stai attento, per evitare danni accidentali, quando colleghi e scolleghi il tuo telefono alla porta Lightning integrata.
    • Il Backbone One non è collassabile completamente come l'altrimenti massiccio Razer Kishi. Quando ci si gioca, peraltro, nella sua forma completamente estesa è decisamente snello.

    • Se il case del tuo telefono aggiunge un volume significativo all'insieme, può essere necessario rimuoverlo per farlo stare comodo all'interno del Backbone One. Non è forse questo che ti rende un vero gamer?

    • Dato che alla maggior parte degli umani manca una terza mano, stai attento, per evitare danni accidentali, quando colleghi e scolleghi il tuo telefono alla porta Lightning integrata.

  3. Abbiamo parlato abbastanza: iniziamo a giocare! La partenza è molto rapida grazie ad alcune viti a croce Phillips esterne sull'impugnatura di destra. Ci piacerebbe avere l'opportunità di ringraziare Backbone di avere avuto il coraggio di non incollare questa cosa tutta insieme. Urrà! Sotto l'involucro esterno in plastica, ecco dei cavi colorati e il nostro primo sguardo agli interni del Backbone One.
    • Abbiamo parlato abbastanza: iniziamo a giocare!

    • La partenza è molto rapida grazie ad alcune viti a croce Phillips esterne sull'impugnatura di destra. Ci piacerebbe avere l'opportunità di ringraziare Backbone di avere avuto il coraggio di non incollare questa cosa tutta insieme. Urrà!

    • Sotto l'involucro esterno in plastica, ecco dei cavi colorati e il nostro primo sguardo agli interni del Backbone One.

    • Liberiamo il cavo di interconnessione dal suo connettore ZIF e scolleghiamo dalla scheda madre i due cavi del connettore Lightning.

    • Qualche vite a croce più tardi, siamo in grado di estrarre il pulsante frontale, il grilletto e il nostro primo circuito stampato.

  4. Guardiamo come questa scheda entra nel gioco: Il joystick, saldato alla scheda (non proprio un buon inizio, se la lezione della Nintendo ci ha insegnato qualcosa. Sei contatti cliccabili per i pulsanti A-B-X-Y + il pulsante per la app Backbone + un pulsante per le opzioni
    • Guardiamo come questa scheda entra nel gioco:

    • Il joystick, saldato alla scheda (non proprio un buon inizio, se la lezione della Nintendo ci ha insegnato qualcosa.

    • Sei contatti cliccabili per i pulsanti A-B-X-Y + il pulsante per la app Backbone + un pulsante per le opzioni

    • SoC (probabilmente) Skyworks 52101-11

    • SoC a chip singolo Avnera AV3425C per cuffie Lightning smart

    • Un pulsante bumper saldato

    • Un sensore a effetto Hall (Texas Instruments DRV5053) saldato per il pulsante del grilletto

    • Una porta Lightning saldata che serve a fare da ponte per alimentare il tuo telefono o a dar voce alla tua cuffia

  5. Passando al lato sinistro, troviamo uno schema quasi identico, anche nelle viti a croce e nel connettore ZIF. Rimaniamo però un attimo disorientati quando cerchiamo di rimuovere il pulsante del grilletto. Scopriamo che è fissato da una sola vite ben nascosta. Vedete l'angolazione di quel cacciavite? Se vi sembra sbagliata, è perché non è così che le viti dovrebbero lavorare. In effetti siamo lievemente sorpresi dal fatto che venga via senza danni, mentre il grilletto cade sulla tavola.
    • Passando al lato sinistro, troviamo uno schema quasi identico, anche nelle viti a croce e nel connettore ZIF.

    • Rimaniamo però un attimo disorientati quando cerchiamo di rimuovere il pulsante del grilletto. Scopriamo che è fissato da una sola vite ben nascosta.

    • Vedete l'angolazione di quel cacciavite? Se vi sembra sbagliata, è perché non è così che le viti dovrebbero lavorare. In effetti siamo lievemente sorpresi dal fatto che venga via senza danni, mentre il grilletto cade sulla tavola.

  6. Ora vediamo che cosa offre la scheda di sinistra: Un altro joystick saldato (come il Razer Kishi) Quattro contatti dorati per il pad a quattro vie e quattro fori per tenere in posizione la sua cover in silicone
    • Ora vediamo che cosa offre la scheda di sinistra:

    • Un altro joystick saldato (come il Razer Kishi)

    • Quattro contatti dorati per il pad a quattro vie e quattro fori per tenere in posizione la sua cover in silicone

    • Due contatti cromati cliccabili (switch tattile) per i pulsanti di schermata/registrazione e delle opzioni

    • Un Jack cuffie da 3,5 mm

    • Un pulsante bumper saldato

    • Un sensore a effetto Hall (Texas Instruments DRV5053) saldato per il pulsante del grilletto

    • Ora guardiamo la spina dorsale, il "backbone" per dirla all'inglese, di questo Backbone. È in quest'area, proprio vicino alla parola "Backbone".

    • Il meccanismo scorrevole usa una coppia di molle a spirale piatte che si svolgono quando allontani le impugnature l'una dall'altra. Questo assicura una compressione più efficace e una presa più salda rispetto al Razer Kishi, che usa molle elicoidali per abbracciare il tuo smartphone.

    • Le molle a spirale (a forza costante) si possono trovare anche nelle cinture di sicurezza e nei metri a nastro.

  7. La porta Lightning è fissata con due viti, rendendo facile la sostituzione di questa parte, soggetta a forte usura, nel caso si guasti. Con gli attrezzi giusti, un lieve riadattamento del case e un diverso cablaggio si potrebbe perfino scambiare la porta Lightning con una USB-C (leggermente più grande) per rendere il dispositivo compatibile con Android. Il cavo di interconnessione sventola all'interno del case, ma non può essere rimosso senza causare danni irreparabili, così per il momento lo lasciamo dov'è.
    • La porta Lightning è fissata con due viti, rendendo facile la sostituzione di questa parte, soggetta a forte usura, nel caso si guasti.

    • Con gli attrezzi giusti, un lieve riadattamento del case e un diverso cablaggio si potrebbe perfino scambiare la porta Lightning con una USB-C (leggermente più grande) per rendere il dispositivo compatibile con Android.

    • Il cavo di interconnessione sventola all'interno del case, ma non può essere rimosso senza causare danni irreparabili, così per il momento lo lasciamo dov'è.

    • Liberiamo le molle con il nostro set Minnow di punte di precisione per salvare il gioco prima del boss finaledella scomposizione finale.

  8. Game over! Abbiamo battuto il Backbone One. vediamo se abbiamo raggiunto un livello abbastanza alto (di riparabilità):
    • Game over! Abbiamo battuto il Backbone One. vediamo se abbiamo raggiunto un livello abbastanza alto (di riparabilità):

  9. Considerazioni Finali
    • Usando attrezzi piuttosto comuni, lo smontaggio è agevole: i componenti sono fissati semplicemente con delle viti.
    • Il connettore Lightning può essere sostituito facilmente rimuovendo la cover e due viti.
    • Benché non sia utilizzato alcun tipo di adesivo, alcune viti, senza che ci sia un valido motivo apparente, sono difficili da raggiungere.
    • I pulsanti frontali sono saldati sulle rispettive schede, il che richiede di avere capacità di eseguire microsaldature per la loro sostituzione.
    • Entrambi i joystick sono saldati direttamente sulle schede, così come la porta Lightning che fa da ponte col telefono.
    Punteggio Riparabilità
    5
    Riparabilità 5 su 10
    (10 è il più facile da riparare)

Un ringraziamento speciale a questi traduttori:

en it

100%

albertob ci sta aiutando ad aggiustare il mondo! Vuoi partecipare?
Inizia a tradurre ›

Aggiungi Commento

Visualizza Statistiche:

Ultime 24 Ore: 15

Ultimi 7 Giorni: 56

Ultimi 30 Giorni: 310

Tutti i Tempi: 4,491