Salta al contenuto principale

Aggiusta la tua roba

Diritto alla Riparazione

Componenti & Strumenti

Inglese
Italiano

Traduzione in corso passo 8

Passo 8
Between us and the (heat-sensitive) battery is a moat of white, rubbery, alcohol-resistant adhesive. Left with no other options, we carefully begin manual excavation. Picking around this little bomb is what you call EOP (Explosive Ordnance Paleontology). Well, okay, we might be the only ones who call it that. The battery is tethered by a soldered cable—so even though you can get to it, it's still not easily replaceable at this point.
  • Between us and the (heat-sensitive) battery is a moat of white, rubbery, alcohol-resistant adhesive. Left with no other options, we carefully begin manual excavation.

  • Picking around this little bomb is what you call EOP (Explosive Ordnance Paleontology). Well, okay, we might be the only ones who call it that.

  • The battery is tethered by a soldered cable—so even though you can get to it, it's still not easily replaceable at this point.

  • Hey wait, this looks familiar—could this be the same battery that we found in the Galaxy Buds?

  • They're both German-made, lithium-ion button cells running at 3.7 V—but the Galaxy Buds' (slightly larger) battery reads CP1254, while the one in the AirPods Pro is labeled CP1154.

  • Physically, the CP1154 has 14% less volume than the 200 mWh CP1254. With the power of math, we estimate that this battery packs ~168 mWh.

  • Teardown update: after some more hands-on time with this mystery cell, we've peeled up all the goopy stickers and found a tiny Wh rating! We weren't too far off with our guess—the battery is officially rated at 0.16 Wh.

  • This is a huge boost from the 93 mWh cylindrical batteries in the AirPods 2, and is closer to its pro kin, the PowerBeats Pro.

Tra noi e la batteria (sensibile al calore!) c'è una barriera di adesivo bianco, gommoso e resistente all'alcol. Privi di altre opzioni, non ci resta che iniziare una delicata operazione manuale di scavo.

Lavorare attorno a questa piccola bomba è quello che voi chiamereste POE (Paleontologia degli Ordigni Esplosivi). Ma forse no, ci siamo solo noi a chiamarlo in questo modo.

La batteria è ancorata da un cavo saldato quindi, anche se riusciste ad arrivare fino a qui, a questo punto la cella non è agevolmente sostituibile.

Aspetta un momento, ecco qualcosa che forse abbiamo già visto: può essere che sia la stessa batteria che avevamo trovato nei Galaxy Buds?

Sono entrambe celle a bottone agli ioni di litio, realizzate in Germania, da 3,7 V; sulla batteria (lievemente più grande) dei Galaxy Buds, però, c'è scritto CP1254, mentre quella degli AirPods Pro è etichettata CP1154.

Fisicamente, la CP1154 ha il 14% di volume in meno della CP1254 da 200 mWh. Scatenando tutta la potenza della matematica, stimiamo che questa batteria sia da circa 168 mWh.

Aggiornamento smontaggio: dopo altro tempo passato a maneggiare questa cella misteriosa, abbiamo staccato tutte le etichette appiccicose e trovato un minuscolo dato in Wh! Non abbiamo sbagliato di molto con la nostra ipotesi: il valore ufficiale è 0,16 Wh.

Un grande salto in avanti rispetto alle batterie cilindriche da 93 mWh (0,093 Wh se preferite) degli Airpods 2 e più vicino ai suoi parenti "pro", i PowerBeats Pro.

I tuoi contributi sono usati su licenza in base alla licenza open source Creative Commons.