Salta al contenuto principale

Aggiusta la tua roba

Diritto alla Riparazione

Componenti & Strumenti

Inglese
Italiano

Traduzione in corso passo 2

Passo 2
Unlike the fairly-iterative Surface Pro 7 released last month, the Pro X is a complete redesign—the first in many years. And it comes with a new model number: 1876. What a great year, 1876. Feels like just yesterday we were tearing down Alexander Graham Bell's new "telephone." If you need a teardown TL;DR, here's an X-ray overview from Creative Electron showing everything on our agenda.
  • Unlike the fairly-iterative Surface Pro 7 released last month, the Pro X is a complete redesign—the first in many years. And it comes with a new model number: 1876.

  • What a great year, 1876. Feels like just yesterday we were tearing down Alexander Graham Bell's new "telephone."

  • If you need a teardown TL;DR, here's an X-ray overview from Creative Electron showing everything on our agenda.

  • Compared to the Pro 7, we note the Pro X's rounded corners, narrower profile, and reductified port selection.

  • If you're in the market for a thin professional Windows tablet, wave goodbye to the USB-A port, MicroSD card slot, and headphone jack. USB-C is the future, it seems.

Diversamente dal Surface Pro 7 lanciato nel mese scorso, stretto parente delle generazioni precedenti, il Pro X segna una completa riprogettazione, la prima dopo molti anni. E arriva con un nuovo numero modello: 1876.

Un grande anno il 1876. Sembra ieri quando abbiamo smontato il nuovo "telefono" di Alexander Graham Bell.

Se ti serve un TL;DR, relativo a questo smontaggio, ecco un'anteprima a raggi X realizzata da Creative Electron che mostra tutto quello che ci attende a breve termine.

Rispetto al Pro 7, notiamo che il Pro X ha angoli arrotondati, un profilo più sottile e una selezione di porte aggiornata (e ridotta).

Se stai cercando sul mercato un tablet professionale Windows molto sottile, puoi dire addio alla porta USB-A, allo slot per schede microSD e al jack cuffie. L'USB-C è il futuro, o almeno così sembra.

I tuoi contributi sono usati su licenza in base alla licenza open source Creative Commons.